Quest'anno abbiamo trascorso una Pasqua più intensa del solito anche perché da mesi aspettavamo di rivedere i nostri amici a Sorrento. Inoltre è arrivata anche Katrin dalla Germania, che si è fermata con noi poco più di una settimana e ci ha accompagnato durante il lungo viaggio in auto per arrivare in penisola. Siamo partiti giovedì 1 aprile all'alba e siamo arrivati a casa solo verso le 18. Giusto il tempo di cambiarci e ci siamo incontrati con gli amici per vedere le processioni. Poi siamo andati tutti insieme a mangiare una pizza e lì ci ha raggiunto Carmen con il ragazzo, che non conoscevamo. E' stato davvero molto bello ritrovarci tutti insieme e rivedere Carmen dopo così tanto tempo. La sera è passata in fretta, abbiamo mangiato tantissima pizza e poi siamo tornati a casa stanchissimi dopo il viaggio estenuante. Non abbiamo riposato tanto, anche perché venerdì ci siamo svegliati presto. Il pomeriggio abbiamo fatto un giro per Sorrento e la sera, come da tradizione, a vedere le processioni. Dopo ci siamo fermati a bere un drink al Marianiello e a organizzare per Pasquetta. Sabato siamo andati a Frassineto, vicino Fisciano. Un'area attrezzata dove si può grigliare la carne e giocare indisturbati. Nonostante l'appuntamento fosse per le 10.30, siamo riusciti a partire solo verso mezzogiorno. Fortunatamente non c'era traffico e siamo arrivati in poco tempo. Abbiamo subito iniziato a preparare per il pranzo ma avevamo dimenticato l'alcool in auto ed è stato più difficile del previsto accendere il fuoco. Sergio e Aniello, inoltre, hanno iniziato a fare gli schizzinosi per la griglia sporca ma è stato divertente vedere i loro volti rassegnati all'idea di non mangiare carne pulita e ben cotta. Tutto è andato per il meglio, ci siamo divertiti tantissimo a giocare e a correre. L'unico inconveniente è capitato a me. Mentre stavo giocando a calcio ho preso una brutta distorsione alla caviglia e ha iniziato a farmi molto male il piede. La sera, quindi, ci siamo incontrati tutti a casa di Claudia, dove ci hanno raggiunto anche Valentina e Michele che non avevamo ancora salutato.  Il giorno dopo, abbiamo tutti pranzato insieme a casa di Claudia. Dopo l'antipasto di salumi, formaggi e casatiello, sono arrivati gli gnocchi alla sorrentina, la carne in crosta e l'agnello e infine abbiamo aperto le uova. A Pasquetta, invece, siamo andati tutti a casa di Aniello che ha organizzato la consueta grigliata nel suo giardino anche per festeggiare il suo diploma al conservatorio. Eravamo tantissimi, più di venti, e c'erano anche persone che non vedevamo da anni, in più c'erano persone da ogni parte del mondo: Inghilterra, Germania, Estonia, Stati Uniti, Brasile, Kenya.  Abbiamo mangiato e ci siamo divertiti anche se purtroppo faceva freddo e il tempo era brutto. La serata si è conclusa tra saluti e la promessa che presto ci verranno a trovare. Nonostante il dolore al piede la mattina seguente siamo partiti per Torino verso le 11. Un viaggio estenuante, abbiamo trovato traffico e code praticamente da Caianello a Bologna e siamo arrivati a casa solo verso l'1.