Da una recente inchiesta, emerge che il regalo enogastronomico è sempre gradito ed è il meno riciclato. L' italiano a tavola è tradizionalista, ama i piatti del territorio di origine. Le maggiori preferenze sono la pasta, il vino, i prodotti da forno, i dolci e la carne. Questi doni, inoltre, sono soggetti al minor "tasso di riciclo" perché chi li riceve preferisce consumali. Quest'anno la scelta ricadrà su ceste che contengono cibi del territorio, che non devono quindi percorrere lunghe distanze. Un modo per esaltare la tradizione ma anche per evitare problemi all'ambiente.