Per il compleanno di Claudia siamo andati a trascorrere due giorni in montagna, nella zona del Monginevro, al confine tra Italia e Francia. Prima tappa a Claviere, dove abbiamo provato il ponte tibetano più lungo al mondo 468 metri. Claudia all'inizio era un po' tesa e aveva le gambe che tremavano, facendo muovere tutta la struttura. Poi si è tranquillizzata e abbiamo iniziato a goderci lo spettacolare panorama. Il ponte, è posizionato in una vallata stretta e segue, ad una altezza crescente, il percorso del fiume. Oltre ad alcuni passaggi nei quali devi appoggiarti alla roccia, si è sempre sospesi. Bello, sicuro e piacevole, soprattutto per chi, come Claudia, non ha ancora il coraggio di affrontare le vie ferrate perché soffre troppo di vertigini. Il pomeriggio, dopo una passeggiata a Claviere, siamo andati a Montgenevre, posto di villeggiatura di montagna attrezzatissimo per praticare qualsiasi sport anche se poco rustico e piuttosto affollato. Abbiamo continuato lungo il versante francese a caccia di formaggiai e alpeggi. Abbiamo visitato dei paesini molto caratteristici lungo la strada per Nevanche e ci siamo fermati nella zona di Le Serre. Mucche ovunque, un bel fiume e la sensazione di essere in una montagna viva e molto abitata, oltre che ricca di servizi. Verso le 5 siamo ritornati a Claviere dove abbiamo lasciato la macchina e ci siamo incamminati lungo il sentiero per arrivare al rifugio. La camera non era pronta perché l'avevano assegnata a un'altra coppia scambiando le prenotazioni, quindi siamo andati a fare una passeggiata nelle vicinanze. Abbiamo visto più di una decina di marmotte che si rincorrevano. La sera abbiamo cenato con la coppia che aveva preso la nostra stanza e ci siamo rilassati in vista del giorno dopo. Secondo i programmi avremmo dovuto fare il sentiero dello Chaberton ma pioveva troppo quindi abbiamo dovuto rinunciare. Ci siamo diretti a Briancon e sulle montagne vicine alla ricerca di alpeggi che purtroppo erano chiusi perché i formaggiai erano tutti andati in città per il mercato. Quindi siamo ritornati a Briancon dove abbiamo mangiato degli ottimi pan au chocolat e comprato salumi e formaggi molto buoni. Abbiamo fatto anche una passeggiata per il bellissimo centro storico del paese e siamo saliti sulle fortificazioni, che però erano chiuse. Un posto davvero magnifico, ricco di storia e di palazzi d'epoca. Purtroppo ha piovuto tanto e quindi non ci siamo potuti godere a pieno la passeggiata. Di ritorno ci siamo fermati ancora a Oulx per una breve visita e poi siamo arrivati a casa.